Post in evidenza

La mappa della biodiversità del territorio

sabato 20 maggio 2017

Aperilago al Lago ex Snia, censimento chirotteri e rapaci notturni

Venerdì 19 maggio 2017 si è tenuto il primo appuntamento scientifico al Lago ex Snia, nel corso del quale i cittadini e i residenti dei quartieri limitrofi hanno potuto assistitere e partecipare direttamente alle attività di censimento e monitoraggio dei chirotteri (pipistrelli) e dei rapaci notturni. 
Gli attivisti e i volontari del Forum Territoriale Permanente del Parco delle Energie e del WWF hanno illustrato, alle numerose persone accorse, le attività compiute nel corso degli anni per liberare l'area dai progetti speculativi e per tutelare il ricco ecosistema che si è creato grazie alla presenza del lago. 
E' stato illustrato anche il Progetto Api per il Lago e sono state mostrate le modalità per effettuare il censimento dei pipistrelli (utilissimi mammiferi volanti che si cibano degli insetti) con gli strumenti, come il Bat detector, che oggi la tecnologia mette a disposizione.
Nel corso della partecipata serata, durante la quale i presenti hanno potuto degustare un aperitivo autofinanziato dai volontari del forum, si sono osservate anche le prime lucciole, a conferma del fatto che pur all'interno di un'area altamente antropizzata e in pieno ambiente urbano, è ancora possibile riscontrare un elevato indice di biodiversità, per tutelare la quale il forum e il WWF continuano a chiedere a gran voce alla Regione Lazio l'istituzione del vincolo del Monumento Naturale.
Con la speranza di riuscire a replicare l'appuntamento di ieri, a seguire alcune foto che mostrano i momenti salienti della manifestazione.







Leonardo Ancillotto spiega come funziona il Bat detector







lunedì 15 maggio 2017

Aperilago: ascolti al vespro

Il Forum Territoriale Permanente del Parco delle Energie e il Gruppo Pigneto-Prenestino del WWF Lazio organizzano per venerdì 19 maggio, a partire dalle ore 19.00 (ingresso da via di Portonaccio), un aperitivo al Lago ex Snia, nel corso del quale i cittadini potranno assistere e partecipare ai monitoraggi e ai censimenti di chirotteri e rapaci notturni.
Sarà un occasione per riscoprire il valore della natura in città, grazie al ricco ecosistema che si è sviluppato negli oltre 20 anni dalla nascita del lago (per la tutela del quale il Forum e il WWF chiedono alla Regione Lazio l'istituzione del Monumento Naturale), con la tipica vegetazione ripariale e le ben 76 specie di avifauna (di cui ben 3 protette dalla Direttiva Uccelli dell'Unione Europea) che censite dal 2014 ad oggi.
Nel corso della serata verrà illustrato anche il progetto di costruzione di un apiario e con un pò di fortuna si potranno osservare le lucciole.


sabato 6 maggio 2017

Piantumazione alberi al Parco di Tor Tre Teste

Stamattina gli attivisti del WWF Lazio - Gruppo Attivo Pigneto-Prenestino hanno piantumato alcuni piccoli alberi in un'area marginale del Parco di Tor Tre Teste, quella che confina con il tracciato della Prenestina Bis. Nella fattispecie sono stati piantumati due piccoli alberi di Fico (Ficus carica) e una piccola Farnia (Quercus robur), e inoltre è stato "tutorato" e messo in sicurezza un piccolo albero di Bagolaro (Celtis australis) cresciuto spontaneamente. Gli alberi piantumati verranno ora innaffiati e controllati da nostri soci ed attivisti residenti nei pressi del parco.
Durante le piantumazioni abbiamo anche effettuato un monitoraggio avifaunistico, nel corso del quale abbiamo rilevato la presenza di beccamoschini, rondini, rondoni e parrocchetti.
La piantumazione di alberi oltre che un gesto simbolico, concorre a combattere inquinamento ed effetto serra, responsabile quest'ultimo del cambiamento climatico in atto.
Gli alberi vivono e crescono utilizzando elementi naturali: creano le molecole del legno di cui sono costituiti essenzialmente grazie all’acqua, all’energia del sole e all’anidride carbonica (CO2) che sottraggono all’atmosfera.
Gli alberi inoltre ci forniscono ossigeno (O2) e assorbono le polveri sottili responsabili di inquinamento atmosferico e problemi per la salute dell’uomo.
Seguiranno altre piantumazioni nei parchi e nelle aree verdi del territorio. 











martedì 2 maggio 2017

Monitoraggio naturalistico e raccolta rifiuti alla Valle della Caffarella

Stamattina contestualmente al periodico monitoraggio dell'avifauna migratoria e della biodiversità nella Valle della Caffarella, nel corso del quale abbiamo rilevato la presenza di specie di passo quali lo Stiaccino, la Tortora selvatica (numerose) e il Gruccione (alcuni esemplari), ci siamo dedicati alla raccolta di plastica, vetro e altri rifiuti rinvenuti in particolare nell'area barbecue. 
Tutto sommato è stato confortante constatare che non sono stati abbandonati tanti rifiuti, considerando le numerose persone che ieri hanno frequentato l'area, grazie anche alla presenza e ai controlli effettuati dai guardiaparco e alla campagna di sensibilizzazione dei giorni scorsi effettuata dall'ente Parco Regionale dell' Appia Antica.