Post in evidenza

La mappa della biodiversità del territorio

lunedì 26 settembre 2016

Giornata del camminare 2016

Domenica 9 ottobre avrà luogo in tutta Italia la Giornata del Camminare 2016, organizzata da Federtrek.
L'iniziativa coinvolge anche il nostro territorio e prevede un'interessante passeggiata attraverso le ricchezze storico-culturali e naturalistiche del Municipio Roma V e dell'Ecomuseo Casilino Ad Duas Lauros. 

Attivisti del WWF parteciperanno alla Giornata del Camminare illustrando gli aspetti naturalistici del percorso, che toccherà luoghi densi di storia, memorie e valori ambientali.

Si parte alle ore 09.00 da Porta Maggiore per arrivare al Quarticciolo (il percorso è di circa 15 chilometri). 
Tra le varie tappe quella al Parco delle Energie e al Lago ex Snia (unico lago naturale di Roma), Parco Pasolini, Villa Gordiani, Parco Somaini, Villa De Sanctis, Parco di Centocelle e Parco di Tor Tre Teste. Per ogni area verde del percorso illustreremo i valori naturalistici (ma anche le criticità) che abbiamo censito e monitorato nel corso degli ultimi anni (flora, fauna e avifauna presenti).

A seguire la locandina con il programma e le informazioni dettagliate:


domenica 25 settembre 2016

Iniziativa di solidarietà con le popolazioni colpite dal terremoto dello scorso 24 agosto: visita all'Oasi WWF di Lago Secco

Domenica 2 ottobre iniziativa di solidarietà per le popolazioni e i luoghi colpiti dal terremoto del 24 agosto. 
Visita guidata all'Oasi WWF di Lago Secco, poi pranzo a base di prodotti locali presso un agriturismo convenzionato (costo del pranzo: 20 euro). 
Il numero massimo di partecipanti alla gita è di 40 persone. 
Per informazioni e prenotazioni contattare: email wwfoasi@wwfoasi.it o telefonare al WWF Italia al numero 06844971.



domenica 18 settembre 2016

Monitoraggi naturalistici al Parco della Caffarella

Stamattina, domenica 18 settembre 2016, abbiamo ripreso i monitoraggi naturalistici nelle aree verdi del territorio, iniziando dal Parco della Caffarella, oggetto di un censimento faunistico e avifaunistico che portiamo avanti dal gennaio 2014. 
Pur esterna ai confini amministrativi del V Municipio, la Valle della Caffarella, compresa all'interno del Parco Regionale dell'Appia Antica, è un'importante corridoio della rete ecologica della città, grazie al quale l'ambiente urbano si arricchisce della presenza di specie di fauna e avifauna anche rara e preziosa. 
Nel giugno del 2015 abbiamo riscontrato e documentato la presenza della Donnola (piuttosto rara in città), mentre in più occasioni abbiamo avvistato la Volpe. Per quanto riguarda l'avifauna, abbiamo censito specie rare o poco diffuse (soprattutto in ambito urbano) quali il Mignattaio e il Gufo di palude, il primo avvistato e fotografato nel 2014, il secondo nella primavera del 2015. 
Nel corso del monitoraggio di oggi, abbiamo registrato la presenza di un discreto numero di Balestrucci (in partenza per l'Africa), di un Pigliamosche (anch'esso in procinto di emigrare verso i siti di svernamento), dei Cardellini, di numerosi Picchi verdi, di qualche esemplare di Rondone pallido, di 2 Aironi cenerini e una Garzetta, della Poiana di Harris aufuga che da quasi due anni frequenta l'area, di 5 Alzavole e di numerose altre specie più comuni che frequentano abitualmente il sito. Tra le specie floristiche abbiamo trovato un rigoglioso arbusto di Prunus spinosa, i cui frutti sono ultimamente oggetto di ricerca per le proprietà antitumorali. A seguire alcune foto scattate oggi nel corso del monitoraggio (Airone cenerino che ha predato un Carassio, Gheppio maschio con lucertola negli artigli posato su un Ailanto, Pigliamosche, frutti di Prunus spinosa).


Airone cenerino che ha predato un Carassio

Gheppio maschio su Ailanto

Pigliamosche

Frutti di Prunus spinosa